Realizzazione siti web Rimini, creazione siti internet responsive, sviluppo siti e-commerce, blog, portali web, siti aziendali

 


7 strumenti per creare un sito web gratis

Perchè creare un sito internet free

sito web gratis
Prima di proporre i 7 strumenti per creare un sito web gratis che ti ho promesso, ti vorrei far ragionare un secondo su una questione. Perchè creare un sito web gratis? I motivi potrebbero essere diversi:

  • Desiderio di gestire il proprio sito web in autonomia senza la costosa assistenza di un webmaster
  • Budget limitato o nullo che non consente di rivolgersi ad una web agency
  • Desiderio di creare e personalizzare a proprio piacimento un sito internet

Non importa tanto il motivo quanto l'obiettivo. Se lo scopo è quello di realizzare un sito web gratis senza l'assistenza di un professionista, l'aspirante webmaster può scegliere tra alcune opzioni. Prima di fare questa scelta una premessa è necessaria. Quando pensi alla realizzazione di un sito, non limitare la tua attenzione alla grafica. Si tratta di una componente in realtà assai marginale perchè l'obiettivo primario di un sito web che si rispetti dovrebbe essere quello di essere trovato sul web in mezzo alla miriade di siti che compaiono nei risultati di ricerca. Su migliaia o milioni di risultati tutti puntano ad essere primi ma solo uno ce la fa. Se nessuno vede il tuo bellissimo sito realizzato con pochi click con grafica spaziale proprio come la volevi tu, credo che non sarai molto soddisfatto. Specialmente quando ti accorgerai guardando le statistiche di accesso che solo qualche anima perduta l'ha trovato per puro caso digitando una parola chiave assurda. Detto questo, avrai capito che il valore di un sito sta prima di tutto nella sua struttura, nel suo codice, per intenderci. Che deve essere pulito perchè i motori lo apprezzino. Poi viene il resto. Il vestito per così dire. La domanda che ti pongo è questa. Se neppure con gli editor WYSIWYG riesci ad ottenere un codice pulito, e per tale motivo tendenzialmente si raccomanda l'uso di editor testuali, come è possibile che un sito creato online gratuitamente con pochi click su templates già pronti offra una tale resa? Una resa che un webmaster serio riesce ad avere non con minuti, non con ore, ma con giorni e giorni di duro lavoro? Fatta questa premessa sono pronta ad illustrarti le tre opzioni che hai a disposizione per creare un sito web gratis e su ogni possibilità cercherò di illustrarti i passi da fare:

  • La prima possibilità a tua disposizione, quella che caldamente consiglio anche se richiede tanta voglia di studiare e di sperimentare è quella di fare un corso su HTML, CSS e PHP
  • La seconda opzione è quella di imparare ad utilizzare Wordpress o altro CMS. Ho suggerito WP per il fatto che è tendenzialmente il più diffuso ed il più facile da apprendere.
  • Infine se hai letto la mia premessa o se hai fatto una ricerca online con la parola chiave "creare sito gratis" o "creare un sito web gratis", saprai che esistono aziende online che offrono gratuitamente un servizio di creazione siti internet.

Analizziamo la prima opzione: studiare HTML, CSS e PHP

Prima di tutto ti chiederai "ma perchè dovrei perdere il mio tempo e le mie energie studiando i linguaggi di programmazione?". La mia risposta è "non so con quale obiettivo in mente hai trovato sui motori il mio sito. Potresti cercare un programmino che fa siti gratis, ma potresti anche valutare l'opzione di realizzare un sito internet serio. La mia coscienza mi spinge a darti tutte le informazioni. Anche quelle che forse non avevi valutato. Procedo quindi con la spiegazione di come puoi, in modo del tutto gratuito, acquisire le competenze necessarie per creare da solo il tuo primo sito web. Trovi dei corsi online gratuiti su HTML.it, fonte inesauribile di informazioni utili ad un webmaster in erba ma anche ad uno con esperienza. Quando sarai in grado di guardare una riga di codice senza inorridire, sarai pronto per la fase successiva. Cercare l'editor che fa per te. Quale? Sempre online puoi trovare gratuitamente diversi editor. Visto che sei ancora alle prime armi, consiglio un WYSIWYG ma, come ho già detto, i siti che riuscirai a creare avranno un codice "sporco" quindi non ottimale per i motori di ricerca. Il vantaggio però sarà quello di poter visualizzare un'anteprima del sito che stai realizzando lavorando sulla grafica e non sul codice. Unica cosa da modificare sul codice sorgente, non dimenticartene, sono i meta tag: title, description e keywords (queste ultime ormai ritenute dai SEO poco importanti). Ora il tuo sito deve essere messo online. Come fare? Non è difficile. Acquisti un nome a dominio e un hosting che possa ospitarlo. Per un sito in HTML va bene un hosting Windows. Un fornitore potrebbe essere Aruba. C'è chi dice che se il sito vuoi posizionarlo in Italia (cioè è scritto in italiano) conviene utilizzare un fornitore di hosting made in Italy. Aruba è italiana e offre un percorso guidato per l'acquisto di hosting e dominio con carta di credito, bonifico o bollettino postale. Per eventuale assistenza è a disposizione il centralino ma con il proprio account, ottenuto con il primo acquisto, puoi anche richiedere assistenza tramite ticket. A quel punto, avuti gli accessi FTP, potrai caricare il sito sul dominio e finalmente, se hai eseguito correttamente tutte le procedure (credimi, non è cosa ovvia) vedrai il tuo sito online! Che soddisfazione! Esaminiamo ora la seconda possibilità.

Seconda opzione: utilizzare un CMS per creare un sito

La prima opzione era troppo complicata? Hai un'azienda, sei un libero professionista o hai un secondo lavoro che vorresti proporre e vorresti vedere subito dei risultati? Forse neppure la seconda opzione può fare al caso tuo. Ma te la propongo comunque perchè in ordine di serietà e di tempo impiegato, ci troviamo a metà strada. Mi spiego meglio. La situazione ideale sarebbe quella di creare un sito in HTML, CSS e PHP e realizzare un proprio CMS o addirittura un CRM per gestirlo (poi bisogna vedere se i motori lo apprezzano come fanno da anni con i semplici siti in HTML e CSS, ma questo è un altro discorso). Questa situazione ideale non è applicabile a meno che non si sia dei programmatori. Un conto è farsi un sitarello senza troppe pretese con un WYSIWYG e un conto e lavorare seriamente per produrre un sito professionale. E allora devi abbandonare le speranze? Non è detto. Esistono online delle piattaforme che gratuitamente, poiché Open Source, consentono di creare siti con un buon codice e una bella grafica. Un miraggio? Ma no! Sto parlando ovviamente dei CMS. Avrai probabilmente visto anni fa in edicola i corsi di Joomla! proposti da qualche rivista. Joomla! è un CMS. Ma Wordpress ad oggi è il più diffuso ed utilizzato. I più esperti usano Drupal, affermando che è il migliore. Secondo me Wordpress è un'ottima alternativa per un webmaster in erba con poco tempo a disposizione. In realtà un po' di tempo ci vuole comunque se non vuoi neppure spendere i soldi per farti acquistare dominio e hosting e farti installare e configurare Wordpress e alcuni plugins indispensabili. Premetto che Wordpress nasconde una spesa periodica: la manutenzione. O la fai tu, ma devi capirci almeno un pochino o rischi di fare casini, oppure ti appoggi ad un esperto di Wordpress che se ne occuperà al posto tuo. Sempre se hai tempo, puoi documentarti sulle opportunità che offre questo CMS seguendo qualche blog gestito da appassionati. Inizialmente forse non capirai molto di ciò che leggi, ma col tempo inizierai ad avere le idee più chiare e potrai imparare tantissimi trucchi per personalizzare e potenziare il tuo sito. Non starò a ripeterti le operazioni necessarie per acquistare un dominio e un hosting. L'unica differenza sta nel fatto che in questo caso devi caricare la cartella di Wordpress e che l'hosting del quale hai bisogno deve essere Linux e non Windows, poiché quest'ultimo a volte dà problemi. Ti suggerisco, se pensi di non essere in grado di cavartela con cartelle ed FTP, di appoggiarti ad un hosting che offre il CPanel. Non è roba che si mangia. Si tratta di un software che, grazie ad un semplice pannello, ti consente di installare Wordpress in modo semplice e veloce con pochi click. Ma attenzione. Io non vado mai pazza con ciò che è veloce e semplice, perchè a volte nasconde delle insidie. Un esempio? Nel caso del CPanel, non so se qualcuno che mi legge l'ha mai usato, non si ha la possibilità di eseguire le operazioni necessarie a rendere sicuro Wordpress prima dell'installazione. Non si tratta di un problema di poco conto perchè in giro è pieno di hackers che non aspettano altro che di poter trovare facile accesso ai siti e Wordpress con il suo codice Open Source è una preda assai facile se non viene messo in sicurezza.

Terza opzione: sfruttare il servizio gratuito online di creazione siti

creare sito web gratuitamente

E finalmente siamo arrivati ai tuoi tanto sospirati 7 strumenti per creare un sito web gratis. Infatti se proprio di tempo non ne hai e di voglia di metterti ad imparare codici o ad utilizzare piattaforme la soluzione più semplice e alla portata di tutti, persino di un bambino, è quella dei servizi di realizzazione siti web gratis disponibili online. Basta che cerchi "siti gratis" e troverai un mare di proposte. Vediamone qualcuna:

  • 1) Wix: si promuove in un modo accattivante. Nelle slides vedi scorrere immagini di persone che fanno i lavori più disparati. Dal dj al cuoco, dalla fioraia al manager, dall'insegnante di yoga al fotografo, dal meccanico al musicista. Lo slogan poi conquista di sicuro: "Crea il Tuo Fantastico Sito Web. E' Gratis." e in piccolo aggiungono che è facile da personalizzare, senza alcun codice su cui mettere le mani e per finire un numero esagerato di utenti che hanno già usato il servizio. Come si fa a resistere? Se poi si dà un'occhiata ai templates sono veramente professionali, degni di un webdesigner professionista. Insomma, come dicono nel loro sito, Wix ti offre tutto ciò di cui hai bisogno per la creazione di un fantastico sito web gratuito. Va bene, avanti il prossimo!
  • 2) Jimdo: cosa ci offre? Lo leggiamo sullo slogan "Crea il miglior sito del mondo. Il tuo.". Ho le lacrime agli occhi. Ma in questo caso addirittura si parla di SEO. E' roba seria insomma. Continuo a leggere "Facile e gratis. Design. Shop. Mobile. SEO.". Cosa manca? Nulla! Andiamo avanti.
  • 3) Altervista: con Altervista puoi addirittura fare soldi! Non solo non paghi per farti il sito, ti pagano loro! Fantastico. Cosa puoi desiderare di più? Altervista è decisamente più pratico. Ti presenta subito lo spazio per scegliere il nome del tuo nuovo fantastico sito web gratis. Come resistere? Avevi già in mente il nome del dominio e con un click sarà tuo. Con Alterpages puoi creare il sito in modo facile spostando finestrelle e testi con pochi click.
  • 4) Weebly: esordisce con "La tua idea ha bisogno di uno splendido sito web". Posso assicurare che non è stato facile leggere lo slogan, perchè rimpicciolendo la finestra il testo viene per metà nascosto. Sono sicura però che i siti che consente di realizzare sono tutti perfettamente usabili. Loro puntano sulla registrazione, per avere giustamente i contatti di utenti interessati o potenzialmente interessati ai loro servizi.
  • 5) Yola: crea un sito web professionale gratuito in pochi minuti. Una frase davvero originale, non trovi? Ma in questo caso si punta sulla professionalità. Con questo servizio puoi competere con webmaster e web agency che vantano anni ed anni di esperienza. Puoi ottenere contatti, fissare appuntamenti e vendere online. Concludo con una frase che mi ha molto colpita "Lascia che il tuo sito lavori duramente per la tua attività, invece di farlo te". Con questa perla passo alla piattaforma successiva. Dobbiamo arrivare a 7!
  • 6) 1 minute Site: il nome dice già tutto. Ci vorrà davvero un minuto? Altro che studio dell'HTML e del PHP. Puoi farti un sito mobile, con shop online, ma soprattutto Gratis per sempre! Te lo propongo perchè è uscito sulla prima pagina di Google ma non posso nascondere che quando ci sono entrata ha presentato qualche problemino in termini di visualizzazione, ma sono certa che la piattaforma funziona perfettamente.
  • 7) WebsiteX5: ti invita a scaricare la versione gratuita, ma è già chiaro che chi la utilizzerà avrà presto il desiderio di provare la versione a pagamento, più completa. Puoi creare tutti i siti che vuoi, scegliere un tema tra i 50 proposti, inserire fino a 10 pagine, il sistema è sempre Drag&Drop. Parlano di animazioni Flash. Ma come, i motori di ricerca lo amano così tanto che esiste ancora?

Con questa meravigliosa panoramica di alcune delle piattaforme offerte per creare un sito web gratis, credo di aver soddisfatto ampiamente la tua curiosità. Ho nominato solo i siti che compaiono nella prima pagina di Google cercando "siti gratis" in data 9 dicembre 2014. La scelta a questo punto è tutta tua. Se appoggiarti ad un professionista o perlomeno ad un appassionato del settore, oppure optare per il fai da te. In questo secondo caso, prima di accingerti a creare il tuo primo sito gratis, chiediti che cosa desideri ottenere realizzando un sito. Se la risposta è una semplice brochure online, senza necessità di farla trovare online, giusto per far vedere agli amici ed ai clienti che leggono il tuo biglietto da visita che anche tu hai un sito internet, procedi pure senza timori. Se invece per te il posizionamento sui motori è importante e non vuoi rinunciarvi, ti consiglio vivamente di scegliere altre strade, sicuramente più impegnative dal punto di vista del tempo e delle energie, o se ti appoggi a qualcuno, dal punto di vista economico, ma che ti offriranno risultati migliori. Questo è certo. Ricorda infatti che la costruzione del sito è solo la prima fase. Poi devi imparare ad ottimizzarlo e si tratta di un percorso lungo e con molti trucchi che pochi ti diranno. Infine dovrai indicizzarlo, altra operazione tutt'altro che facile. Un'ultima nota: prima di valutare l'opportunità di utilizzare una delle numerose piattaforme drag n' drop per la costruzione di siti online gratis, ricorda che un servizio di questo tipo è offerto da un'azienda. Le aziende possono fallire. Se un'azienda che offre siti gratis fallisce, che fine fanno i siti i cui domini sono di proprietà di quell'azienda? Dal momento che ho investito tanto tempo a creare contenuti, cercare ed inserire foto, e via dicendo, come reagirò se tutto il lavoro fatto sarà andato perso?

Autore: